Di norma i camper, come peraltro tutti gli altri tipi di mezzi di trasporto, sono convalidati ed omologati per uno specifico numero di persone: quasi sempre quattro o cinque al massimo, anche se in realtà, accade sempre che i posti letto sono superiori in numero.

Generalmente all’interno dei caravan e dei camper si contano due letti a castello sul lato posteriore, un altro spazio letto in corrispondenza della cabina armadio, due dinette centrali ed infine la mansarda, che di norma ospita un letto matrimoniale. In questo caso i posti letto sono addirittura sette. Tuttavia i posti a sedere sono sempre inferiori a sette; dunque o delle persone viaggeranno in piedi oppure queste sette persone non possono assolutamente venire ospitate contemporaneamente durante la circolazione del veicolo. Dunque, perché sono presenti addirittura sette letti? Quando si è in sosta, in un camping o in una qualsiasi altra area, nulla vieta ai proprietari dei caravan di invitare nel veicolo amici e/o parenti che li hanno seguiti in auto o in moto; spesso infatti accade che durante la notte o la pausa pranzo, o durante il riposino pomeridiano, il veicolo abitativo, che tanto amiamo, venga messo a disposizione dai rispettivi proprietari.

Sono tuttavia molti i dubbi relativi a quest’ultimo argomento. Una vecchia sentenza della Cassazione Penale risalente al 1987, suggerisce che la limitazione dei posti sui veicoli non vale soltanto per la sicurezza della marcia dei veicoli stessi; le relative norme sono dettate da ragioni di sicurezza dei veicoli in circolazione, nella quale deve essere ricompressa non solo la marcia, ma anche la sosta. Quest’accorgimento tuttavia, se non specificato espressamente sul libretto di circolazione, suggerisce che è bene non “caricare” di peso eccessivamente i camper, anche durante la sosta, per questioni legate alla sicurezza ed alla stabilità del veicolo.

Ad ogni modo sul libretto di circolazione, sono chiaramente indicati il numero di posti a sedere omologati durante il veicolo in marcia. Se si è sorpresi a trasportare un numero di persone superiori a quelle indicate nel libretto, le sanzioni potrebbero essere anche molto salate.

Si evince dunque che molto spesso posti a sedere omologati durante la guida non coincidano con i posti letto all’interno del camper. La risposta a questa “contraddizione”, chiamiamola così, risiede nel calcolo del peso complessivo del veicolo durante la marcia. Se in un camper si hanno solo 3 posti a sedere omologati durante la marcia del veicolo, è perché evidentemente il mobilio, i divani presenti, gli accessori del bagno o altre parti della struttura, nel complesso, raggiungono un quantitativo in peso troppo alto da permettere l’aggiunta di altre tre persone nel carico.

Spesso dunque si interviene nella struttura, privando il mobilio di alcune parti, non fondamentali, aumentando dunque i posti a sedere omologati durante la guida del veicolo, cercando di mantenere il peso del veicolo al di sotto dei limiti riportati dal libretto di circolazione.